Emozioni e premi al galà dei diamanti

EMOZIONI E TANTI PREMI AL GALA’ DEI DIAMANTI 2012

 

 

 

 

 

 

 

L’articolo di Michele Acacia, Grande Slam

In una Parma imbiancata dalla nevicata del giorno prima, il Galà dei Diamanti 2012 andato in scena all’auditorium “Paganini” si apre con le parole del Presidente della FIBS Riccardo Fraccari: “Ci ritroviamo anche oggi come ogni anno, a festeggiare i risultati e i successi del baseball e del softball italiano. L’incontro di oggi ha un significato molto particolare. Intanto perché si conclude un quadriennio che ha visto raccogliere i frutti di un lavoro duro.

Quattro anni in cui la FIBS ha perseguito l’idea della valorizzazione della scuola italiana. Quattro anni faticosi che oggi celebriamo con grande orgoglio perché ci hanno permesso di raggiungere e confermare il valore del baseball e del softball italiano.Abbiamo partecipato a manifestazioni internazionali con le rappresentative Under 12 e Under 15 e questo è motivo di vanto. Pochi sport in Italia riescono a partecipare a manifestazioni così importanti a livello internazionale, con squadre di ragazzi così giovani.

Ora cominciano altri quattro anni di lavoro, che sicuramente sarà altrettanto complicato e difficile. Iniziare nuovi progetti con l’attuale situazione economica non sarà facile, ma noi siamo abituati a lavorare in situazioni così e questa è una sfida che non ci spaventa. Abbiamo già iniziato in questi giorni con un lungo Consiglio Federale. La prima idea è quella di dare alle società la possibilità di lavorare cercando di contenere il più possibile i costi. Credo quindi che il nostro lavoro stia prendendo il via partendo da un bicchiere mezzo pieno, perché nonostante le difficoltà economiche sono sicuro che il nostro baseball e il nostro softball avranno ancora grandi successi.

Chiudiamo un quadriennio di enormi soddisfazioni, ma sono sicuro che il trend non cambierà: continueremo su questa strada, avremo ancora grandi momenti felici, grazie al lavoro di tutte le nostre società e dei nostri atleti, continuando con orgoglio a perseguire il progetto della valorizzazione della scuola italiana”.Poi tocca al Manager della Nazionale Italiana trionfante agli ultimi Europei, Marco Mazzieri, parlare sul palco con i suoi ragazzi alle spalle:  “i nostri successi arrivano da lontano: dal 2007 quando iniziammo il nostro percorso. Il presidente Fraccari ci ha dato grande fiducia, forse in maniera un po’ incosciente, o forse con grande lungimiranza, ma ha avuto ragione. Un successo che va condiviso non solo con la squadra e il mio staff, ma anche con persone come il segretario Marcello Standoli o Marina Lalli che sono fondamentali per la buona riuscita dei progetti che abbiamo in mente. Quello di quest’anno all’Europeo è stato un successo incredibile. Un lavoro iniziato il 27 agosto e terminato con la vittoria in finale, che è stato coronato da una grande gioia. Questi ragazzi erano pronti ad affrontare qualsiasi situazione. Questi ragazzi hanno avuto una grande carica”.

Alla domanda sul prossimo World Baseball Classic ha infine risposto: “Andremo con la miglior squadra possibile. Dovrà diventare la più grande manifestazione mondiale e noi cercheremo di fare quello che abbiamo fatto nel 2009. Siamo in un girone molto competitivo(ndr Messico, Canada e Stati Uniti). L’impressione che abbiamo avuto nella recente riunione di Nashville è che ci vogliano competitivi ma non troppo, perché dopo non essere riusciti a vincere le prime due edizioni, gli americani vorrebbero vincerlo, ma noi, in una partita secca, possiamo battere chiunque, anche gli Stati Uniti”.Ci ha tenuto a essere presente, anche se solo con un video proiettato all’Auditorium, Alex Liddi esterno/terza base dei Seattle Mariners che nella prossima stagione sgomiterà allo Spring Training per ritagliarsi un posto nel roster della Major League.

Ma ora passiamo ai vari atleti, squadre e dirigenti premiati in questo undicesimo Galà. Cominciando dal premio speciale assegnato ad Alex Maestri, che dall’Accademia FIBS ora si sta affermando nella massima Lega Giapponese.Poi è stato il momento della Hall of Fame con le nuove introduzioni di: Enzo e Alfredo Lauri, Maria Luisa Rubano, il dirigente Giulio Ripani ed il classificatore Silvano Sojat.

Il premio per la stampa “Gene Casatelli” è andato a Mino Prati de Il Resto del Carlino, riconoscimento che dal prossimo anno verrà ribattezzato “Fabrizio Masini” in onore del grossetano recentemente scomparso.

Arbitri dell’anno sono stati premiati: Loretta Lamieri (A2 softball), Stefano Russi (Italian Softball League), Giovanni Maria Tosoni (Serie B Baseball), Marco Grassi (A Baseball), Pier Franco Leone (Italian Baseball League).Continuiamo la rassegna andando a vedere gli atleti che si sono aggiudicati il Guanto d’Oronel Baseball: il lanciatore Juan Carlos Figueroa (Nettuno), ricevitore Juan Pablo Angrisano (Rimini), prima base Luca Bischeri (Grosseto), seconda base Alessandro Vaglio (Bologna), terza base Andrea D’Amico (Bologna), interbase Jack Santora (Rimini), esterno sinistro Lorenzo Avagnina (San Marino), esterno centro Leonardo De Donno (Bologna), esterno destro Mario Chiarini (Rimini).Nel Softball invece sono state premiate: Johana Gomez (lanciatore, Bologna), Valeria Bortolomai (ricevitore, Bollate),Ambra Collina (1^ base, Nuoro), Jessica Camello (2^ base, La Loggia), Giulia Longhi (3^ base, Caserta), Eva Trevisan (interbase, Bologna) e agli esterni Yaicej Sojo (Bologna), Dina Pfeiferova (La Loggia), Lei Dong Hui (Legnano).

Il Team che composto dalle All Star: Manager Giacomo Livi (Bologna), lanciatore italiano Stella Turazzi (La Loggia), lanciatore straniero Anjelica Selden (Caserta), ricevitore Lauren Lupinetti(Titano Hornets), prima base Christina Rolla (Caserta), seconda base Jessica Camello (La Loggia), terza base Claire Warwick (Legnano),interbase Eva Trevisan (Blue Girls), esterni Saskia Kosterink (Bollate), Yaicej Sojo (Blue Girls), Andrea Montanari (Forlì), utility Lindsey Meadows (Bollate), MVP: Hailey Wiginton (Caserta); miglior giovane premio “Franca Orlandini” Elisa Cecchetti (Bollate)Premiati anche i vincitori dei Baseball Awards: prima base Renato Imperiali (Nettuno), seconda base Francesco Imperiali (San Marino), terza base Peppe Mazzanti (Nettuno), interbase Juan Carlos Infante (Bologna), esterno sinistro Lorenzo Avagnina (San Marino), esterno centro Carlos Duran (San Marino), esterno destro Mario Chiarini (Rimini), ricevitore Simone Albanese (San Marino), utility “Robert Fontana” Gabriele Ermini (Bologna), Manager “Gigi Cameroni” Doriano Bindi (San Marino), miglior giovane “Masci” Mattia Reginato (San Marino).

Il Premio come miglior lanciatore ASI (atleta di scuola italiana) è andato a Tiago da Silva.La cerimonia si è conclusa con un premio a Marcello Standoli, storico dirigente FIBS che a fine anno lascerà la Federazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *