Un buon Maestri negli spring trainings

BUONA LA PRIMA PER MAESTRI IN AMICHEVOLE

L’articolo di Filippo Coppola, baseballmania

Stanno continuando in progressione gli allenamenti degli spring-training dei team della NPB sulle isole Okinawa, i territori più a sud del paese del Sol Levante e con clima favorevole per cominciare a giocare a baseball.

Il primo match ufficiale tra due compagini rivali è avvenuto il 16 Febbraio scorso, tra gli ORIX Buffaloes e i Chiba Lotte Marines, della PL, dove in rimonta vincono quest’ultimi per 7-4, dopo che stavano conducendo i primi per 4-0!
In pratica questo è stato un Exhibition game, che ha aperto i giochi di amichevoli che vedranno sfidarsi così i 12 team della NPB, per meglio prepararsi per l’Opening-day del 28 Marzo prossimo, sia per la Central League e sia per la Pacific League. Per la cronaca in questi giorni si sono viste anche sfide tra team della NPB e della KBO, come Hokkaido Nippon Ham Fighters vs. Samsung Lions (8-0) e Tohoku Rakuten Golden Eagles vs. KIA Tigers (3-4) e varie amichevoli in “famiglia”.
Intanto nella partita vinta dai Marines per 7-4 si segnala la presenza del nostro Alessandro Maestri sul monte di lancio per 2 riprese complete di gioco, gara giocata ad Ishigaki nella prefettura di Okinawa, cominciata alle 13:00 locali e disputata davanti a 2300 spettatori, durata 3 ore e 17 minuti di gioco.Nella parte alta del 1° inning passano dunque in vantaggio i Buffaloes con un singolo-rbi con 2 out battuto dal 1B Kazunao Yamamoto per l’1-0 parziale.
Nella ripresa successiva i Buffaloes siglavano altri due punti, per il 3-0 con il doppio-rbi di Kengo Takeda (4ª scelta del draft 2012) e un singolo-rbi di Ryoichi Adachi, colpendo ancora il partente dei Marines, Yuta Omine, sempre con 2 out.
Il catcher Hikaru Ito nel 3° inning della parte alta incrementa ancora il vantaggio per i Buffaloes, dove sigla un singolo-rbi, questa volta colpendo il pitcher dei Marines, Hiroya Kawamitsu, scelto al 2° giro del draft del 2012.
Nella parte bassa della ripresa entra in campo il romagnolo Maestri, al posto del partente Takahiro Matsuba (prima scelta del draft 2012) che ottiene molto bene i 3 eliminati con 3 ground-out, facendo giocare la propria difesa,  fatte battere a Shota Omine, Yuta Yoshida (2ª scelta del draft 2013) e Shohei Kato (4ª scelta del draft 2012).
Anche nel 4° inning lancia bene, infatti ottiene 2 out su rimbalzanti, contro i più esperti Shota Ishimine e Daichi Suzuki, poi subisce una valida, un singolo a sinistra da Seiya Inoue (5ª scelta del draft 2013) e se la cava chiudendo la ripresa con una fly-ball fatta battere al messicano Luis Cruz, in zona di foul, da DH.
Da qui in poi la gara prosegue con questo punteggio fino a quando i Marines non siglano due punti nella parte bassa della 5ª ripresa, con un singolo da 2 rbi di Shota Omine, riaprendo così il match, contro il rilievo Shinya Nakayama.
Il sorpasso avviene nel 7° inning, dove appunto i rivali dei Buffaleos siglano ben 3 runs, portandosi sul 5-4, con altro rbi messo a segno da Shota Omine, con un singolo e i punti decisivi del vantaggio Marines tramite un doppio da 2 rbi da Daichi Suzuki, colpendo dunque il pitcher Shota Morimoto, anche lui prodotto del draft 2012 (5° giro).
Poi nella ripresa che segue questi dilagano con altri 2 punti messi a referto, con il 4° rbi del match siglato da Shota Omine e quello del giovane Shohei Kato, segnati sul rilievo Tomoyuki Kaida, fissando così il risultato sul 7-4.
Per la cronaca il vincente è il pitcher dei Marines, Tomohisa Otani e lo sconfitto è Shota Morimoto, con salvezza registrata da Ryoji Katsuki.Quindi in totale AleMae ottiene 2.0 IP, 0 ER, 1 H, 0 K e 0 BB, 21 lanci; in generale buona la sua prova, dove fa battere a terra ben 5 battitori e tutti di fila, un dato che certamente non vorrà dire molto in questa fase della stagione, ma tra i compagni di reparto figura senza dubbio tra i migliori. In un certo modo riscatta la sconfitta subita in amichevole in casa subita giorni fa, tra “rossi” e “bianchi” (casacche), dove subì l’unico punto del match, durato solo 6 riprese, che conta solo per far trovare la forma e ha fini di allenamento, come questa sopra citata, dove i pitcher al massimo lanciano 2 riprese.
Dovrà lottare con tutto se stesso per ottenere un posto da titolare per i Buffaloes, soprattutto riscattare alcuni aspetti negativi che ha subito l’anno scorso in Giappone.
Gli allenamenti proseguono per lui molto bene e si trova egregiamente ad Okinawa, luogo adatto per ritrovare forma e voglia con i compagni di squadra, conoscendo meglio anche i nuovi innesti.

 

Stanno continuando in progressione gli allenamenti degli spring-training dei team della NPB sulle isole Okinawa, i territori più a sud del paese del Sol Levante e con clima favorevole per cominciare a giocare a baseball.
Il primo match ufficiale tra due compagini rivali è avvenuto il 16 Febbraio scorso, tra gli ORIX Buffaloes e i Chiba Lotte Marines, della PL, dove in rimonta vincono quest’ultimi per 7-4, dopo che stavano conducendo i primi per 4-0!
In pratica questo è stato un Exhibition game, che ha aperto i giochi di amichevoli che vedranno sfidarsi così i 12 team della NPB, per meglio prepararsi per l’Opening-day del 28 Marzo prossimo, sia per la Central League e sia per la Pacific League. Per la cronaca in questi giorni si sono viste anche sfide tra team della NPB e della KBO, come Hokkaido Nippon Ham Fighters vs. Samsung Lions (8-0) e Tohoku Rakuten Golden Eagles vs. KIA Tigers (3-4) e varie amichevoli in “famiglia”.
Intanto nella partita vinta dai Marines per 7-4 si segnala la presenza del nostro Alessandro Maestri sul monte di lancio per 2 riprese complete di gioco, gara giocata ad Ishigaki nella prefettura di Okinawa, cominciata alle 13:00 locali e disputata davanti a 2300 spettatori, durata 3 ore e 17 minuti di gioco.

Nella parte alta del 1° inning passano dunque in vantaggio i Buffaloes con un singolo-rbi con 2 out battuto dal 1B Kazunao Yamamoto per l’1-0 parziale.
Nella ripresa successiva i Buffaloes siglavano altri due punti, per il 3-0 con il doppio-rbi di Kengo Takeda (4ª scelta del draft 2012) e un singolo-rbi di Ryoichi Adachi, colpendo ancora il partente dei Marines, Yuta Omine, sempre con 2 out.
Il catcher Hikaru Ito nel 3° inning della parte alta incrementa ancora il vantaggio per i Buffaloes, dove sigla un singolo-rbi, questa volta colpendo il pitcher dei Marines, Hiroya Kawamitsu, scelto al 2° giro del draft del 2012.
Nella parte bassa della ripresa entra in campo il romagnolo Maestri, al posto del partente Takahiro Matsuba (prima scelta del draft 2012) che ottiene molto bene i 3 eliminati con 3 ground-out, facendo giocare la propria difesa,  fatte battere a Shota Omine, Yuta Yoshida (2ª scelta del draft 2013) e Shohei Kato (4ª scelta del draft 2012).
Anche nel 4° inning lancia bene, infatti ottiene 2 out su rimbalzanti, contro i più esperti Shota Ishimine e Daichi Suzuki, poi subisce una valida, un singolo a sinistra da Seiya Inoue (5ª scelta del draft 2013) e se la cava chiudendo la ripresa con una fly-ball fatta battere al messicano Luis Cruz, in zona di foul, da DH.
Da qui in poi la gara prosegue con questo punteggio fino a quando i Marines non siglano due punti nella parte bassa della 5ª ripresa, con un singolo da 2 rbi di Shota Omine, riaprendo così il match, contro il rilievo Shinya Nakayama.
Il sorpasso avviene nel 7° inning, dove appunto i rivali dei Buffaleos siglano ben 3 runs, portandosi sul 5-4, con altro rbi messo a segno da Shota Omine, con un singolo e i punti decisivi del vantaggio Marines tramite un doppio da 2 rbi da Daichi Suzuki, colpendo dunque il pitcher Shota Morimoto, anche lui prodotto del draft 2012 (5° giro).
Poi nella ripresa che segue questi dilagano con altri 2 punti messi a referto, con il 4° rbi del match siglato da Shota Omine e quello del giovane Shohei Kato, segnati sul rilievo Tomoyuki Kaida, fissando così il risultato sul 7-4.
Per la cronaca il vincente è il pitcher dei Marines, Tomohisa Otani e lo sconfitto è Shota Morimoto, con salvezza registrata da Ryoji Katsuki.

Quindi in totale AleMae ottiene 2.0 IP, 0 ER, 1 H, 0 K e 0 BB, 21 lanci; in generale buona la sua prova, dove fa battere a terra ben 5 battitori e tutti di fila, un dato che certamente non vorrà dire molto in questa fase della stagione, ma tra i compagni di reparto figura senza dubbio tra i migliori. In un certo modo riscatta la sconfitta subita in amichevole in casa subita giorni fa, tra “rossi” e “bianchi” (casacche), dove subì l’unico punto del match, durato solo 6 riprese, che conta solo per far trovare la forma e ha fini di allenamento, come questa sopra citata, dove i pitcher al massimo lanciano 2 riprese.
Dovrà lottare con tutto se stesso per ottenere un posto da titolare per i Buffaloes, soprattutto riscattare alcuni aspetti negativi che ha subito l’anno scorso in Giappone.
Gli allenamenti proseguono per lui molto bene e si trova egregiamente ad Okinawa, luogo adatto per ritrovare forma e voglia con i compagni di squadra, conoscendo meglio anche i nuovi innesti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *