Yoshikawa vince l’mvp

IL PREMIO DI MVP PORTA YOSHIKAWA NELL’ELITE DEI LANCIATORI

News photo

La scorsa settimana, il pitcher Mitsuo Yoshikawa è stato eletto MVP della Pacific League. Non succedeva dal 2009 che un giocatore degli Hokkaido Nippon Ham Fighters non vincesse questo importante premio.

L’ultimo lanciatore dei Fighters a vincere il premio è stato il celeberrimo Yu Darvish, vincitore sia nel 2007 che nel 2009. Il trionfo di Yoshikawa è speciale perché arrivato ad un lanciatore. Nella storia della NPB sono sei i lanciatori che hanno vinto il premio, oltre a lui e Darvish anche Toshiya Sugiuchi (2005), Hisashi Iwakuma (2008) e Tsuyoshi Wada (2010).

Sugiuchi, che lo ha vinto nel 2005 è ancora uno dei migliori lanciatori della NPB tant’è vero che quest’anno ha aiutato gli Yomiuri Giants ha vincere il pennant della Central League. Darvish, Iwakuma e Wada al momento invece militano in franchigie della Major League americana.

Yoshikawa ha lanciato 25 partite, ottenendo un record di 14 vinte e 5 perse con una media ERA di 1.71 ERA, con poco più di 0.88 basi ball per inning lanciati. Per lui anche 158 strikeouts in 173⅔ innings lanciati.

I numeri di Yoshikawa sono stati eccelsi, difficile però dire quale degli altri cinque lanciatori sia stato più efficente. Ogni anno infatti è stato condizionato da numeri offensivi diversi.

Darvish aveva giocato nel 2007 ben 26 partite, lanciando ben 12 complete games e finendo il campionato con 15 partite vinte e 5 perse, con una media ERA di 1.82 ERA, 210 strikeouts in 207⅔ innings lanciati. Lo stesso Darvish nel 2009 aveva invece giocato 23 partite totalizzando 15 vittorie e 5 sconfitte, una media ERA di 1.73 ERA e 167 strikeouts.

Nel 2005 Sugiuchi aveva totalizzato 218 strikeout nelle fila dei Daiei Hawks, ottenendo anche 18 vittorie e 4 sconfitte e una media ERA di 2.11.

Nel 2008 Iwakuma dei Tohoku Rakuten Golden Eagles aveva vinto ben 21 partite e perse 4 finendo con una media ERA di 1.87 e 159 strikeouts in 201⅔ innings lanciati.

Wada nel 2010 ha vinto 17 partite, perdendone 8 con i Fukuoka Softbank Hawks. Per lui una media ERA di 3.14 con 169 strikeouts in 161.1 innings lanciati.

Bellissimo: Takehiko “G.G.” Sato ha firmato per i Chiba Lotte Marines e nel 2013 tornerà in NPB dopo un anno di assenza. Sato ritornerà in Giappone dopo aver militato nella Italian Baseball League, dove ha battuto con una media di .319 per la Fortitudo Bologna.

Il ritorno di Sato significherà un incontro tra giocatori che hanno militato nel campionato italiano. Infatti i Chiba sfideranno gli Orix Buffaloes del pitcher italiano Alessandro Maestri che, all’inizio del 2012, aveva giocato qualche partita sul monte del Rimini baseball.

Capitolo Classic: Shinnosuke Abe, il capitano degli Yomiuri Giants sarà anche il capitano della nazionale giapponese a Marzo quando il giappone affronterà il torneo World Baseball Classic. Il Giappone è campione in carica e ha già vinto due edizioni del Classic.

“Sarà molto difficile rispetto alle passate edizioni, anche perché non potremmo contare sui giocatori della MLB” ha dichiarato Abe la settimana scorsa. “Ci sono situazioni nelle quali anche le formazioni più quotate possono perdere in modo incredibile. In un torneo così corto e intenso è molto difficile, ma sono sicuro che con l’esperienza della NPB potremmo continuare ad essere sempre protagonisti ad alti livelli, grazie soprattutto al nostro spirito di squadra.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *