Espulso Maestri nella partita contro le Tigri di Quintana Roo

Espulso Maestri

ESPULSO MAESTRI NELLA PARTITA CONTRO LE TIGRI DI QUINTANA ROO

Incredibile quello che è successo nella gara tra Veracruz e Quintana Roo.

Espulso Maestri dopo aver colpito un battitore nel gomito.

Espulso Maestri

Non era ancora mai successo e ha dell’incredibile la decisione dell’arbitro di cacciare fuori dall’incontro il lanciatore italiano.

Si gioca allo stadio Beto de Avila. Jesse Estrada, il lanciatore partente di Quintana Roo inizia l’incontro scaldando subito il match: dritta a 90 miglia nella faccia del leadoff di Veracruz Gerson Manzanillo. Il dentista di Manzanillo, seduto sugli spalti esulta: nessuna intenzionalità da parte del pitcher ma un paio di denti nuovi per l’esterno sinistro di Veracruz.

Carlos Campechano, arbitro di casa base vede la scena e appunta sul taccuino quello che è successo. Manzanillo viene subito sostituito da Luis Fonseca. Con l’uomo in prima base Veracruz non riesce a segnare. Il neo corridore viene infatti colto rubando e Luis Mauricio Suarez non viene spinto in avanti, nonostante la sua valida sull’esterno destro.

Si cambia ed Alessandro inizia il match regalando subito una base per ball. Carlos Alberto Gastelum smorza il lancio di Alessandro con un bunt e porta in seconda base Freddy Guzman.

Christian Marrero batte una rimbalzante in diamante, facendo avanzare pericolosamente in terza base Guzman. La battuta al volo dell’ex Barbaro Canizares chiude l’inning.

Al secondo inning, il primo battitore di Veracruz, Carlos Lopez batte un singolo. Deibinson Romero batte in doppio gioco, mentre Enrique Osorio una rimbalzante per il terzo out dell’inning.

Secondo inning. Sul monte ancora Alessandro Maestri. Brian Hernandez batte una rimbalzante del è il primo out. Greg Golson subisce il primo strike. Il catcher chiama ad Alessandro uno slider esterno che esce male dalle dita del romagnolo e parte una squacquera che colpisce al gomito l’esterno di Quintana Roo.

Campechano, l’arbitro di casa base si spazientisce. Si toglie la maschera e ammonisce le due squadre. Il suo è un avviso. Secondo lui la partita si sta facendo calda e non vuole grane.

I coach delle due squadre escono per protestare. Tutto lo stadio ha visto che non c’è intenzionalità, tuttavia il cartellino giallo è confermato.

Si prosegue. Ramon Ramirez batte un singolo. La rimbalzante di Gilberto Galaviz viene raccolta da Maestri per il primo out. Un eliminato e uomini in seconda e terza base.

Nel box Mario Vega. Il primo lancio di Alessandro è interno. La pallina colpisce il gomito di Vega e l’arbitro messicano non ci vede più. Rosso immediato. Espulso Maestri.

Nonostante le proteste di tutti la decisione è presa. Jose Marruio sostituisce Maestri senza riscaldamento e riesce a chiudere l’inning nonostante le basi piene.

Al quarto inning sono le Tigri di Quintana Roo a portarsi in vantaggio. La valida di Galaviz porta a casa Brian Hernandez che aveva battuto un doppio.

Al quinto, Veracruz si porta in vantaggio: base per ball regalata a Enrique Osorio e fuoricampo da due punti per Luis Fonseca.

Il punteggio rimane invariato 2 a 1 Veracruz fino al settimo inning, quando la base per ball a Freddy Guzman e il successivo fuoricampo di Carlos Alberto Gastelum portano in vantaggio 3 a 2 Quintana Roo.

Il punteggio non cambia e i Rojos del Aguila subiscono un altra sconfitta. Veracruz scende al 6° posto in classifica nel girone sud (8 squadre).

Per Alessandro Maestri 1.2 inning giocati, una base per ball concessa, una valida subita e nessun punto subito.

Ecco l’articolo del sito ufficiale della Mexican League.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *