Good outing – Il blog di Alessandro Maestri

GOOD OUTING

Buongiorno.

Mi sono svegliato da poco, sono le 9 e 45, avrei voluto dormire un po’ di più ma la luce del sole non me l’ha permesso stamattina. Ieri siamo tornati a casa dalla trasferta verso l’1 e 30 di mattina e, tra una cosa e l’altra, non sono andato a letto fino alle 2 e 30.

Ieri sera è toccato nuovamente a me contro Palm Beach, squadra affiliata ai Cardinals, che negli ultimi scontri si è dimostrata non facile da affrontare. La mia partita come forse già sapete è andata bene; questa volta sono riuscito ad arrivare fino al sesto inning con un pitching count abbastanza basso (66 lanci).

Le riprese sono andate via più o meno lisce fino al quinto quando mi sono ritrovato con 2 uomini in base (stoppone dietro gli interni e colpito) e con nessun out, dove però per fortuna ne sono riuscito a venire fuori con 2 k e una rimbalzante su di me.

Il sesto invece è quello che mi ha fatto venire un po’ di brividi. Primo battitore batte una palla lunghissima verso l’esterno destro, doppio o triplo penso io. Adduci, il mio compagno di squadra, fa una gran corsa e fa sua la palla per il primo out. Il secondo eliminato arriva subito dopo, ma è il terzo quello che mi ha fatto cagare sotto per bene.

Quarto in battuta, primo lancio dritta interna, strike. Torno in pedana, prendo il segnale, il catcher mi chiama slider. Mi dico: ok slider, basso, mi raccomando basso, volete sapere dove l’ho tirato? Beh di certo non basso.

E così che il battitore colpisce la palla cosi forte che io e penso tutta la gente che sta guardando la partita, non ha dubbi che quella palla sia destinata ad uscire.

Passano i minuti, le ore, la palla è ancora in aria. Io già che inizio a dirle di tutte i colori… F@$£…S%!#…Vabbè per farla breve non so come la palla non sia uscita per qualche metro e il mio esterno centro la prende al volo.

Tre out e sospiro di sollievo. Mi è andata bene.

Rientro nel dug out sul risultato di 0-0 e il coach mi dice che per quel giorno era abbastanza così e sarebbe entrato un rilievo al posto mio.

Insomma anche la terza partenza se n’è andata… Senza vittoria, ma sinceramente non è che mi interessi più di tanto.

Certo fa piacere avere la W a fine partita, ma l’importante per me ora non è quello.

Ora bisogna lavorare per la quarta partenza che sarà martedì.

Ore 10.35 della mattina. Dato che sarà il kids day, dove allo stadio ci vanno tutte le scolaresche della zona. Insomma ci sarà un casino assurdo.

Speremma bene.

Grazie per i commenti
P.S. Mercoledi sono andato a pescare con un mio amico… io non avevo mai pescato prima… è stato figo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *