Superato l’Arezzo

SUPERATO L’AREZZO, CAMPIONE D’ITALIA DI SERIE A PER 19 A 6

Si conclude con un largo successo la prima uscita stagionale dei Pirati, che superano in amichevole l’Arezzo per 19-6. I neroarancio hanno messo in cassaforte la vittoria già nei primi tre attacchi (7-0 con homer di Chiarini) e poi hanno resistito al ritorno dei toscani (9-6 all’8°) prima di piazzare al 9° il big inning da dieci punti che ha chiuso definitivamente ogni discorso. Sul monte riminese si sono alternati Marquez, Patrone, Corradini (un paio di riprese a testa), Pezzullo, Cherubini, Norri e Alessandro Maestri, che si sta allenando con i Pirati prima di partire per il Giappone. In un box autore di ben 22 valide, molto bene il nuovo arrivato Persichina (4/6), così come Spinelli (3/3), Babini (4/4), Suardi (3/5) e il già citato Chiarini (3/4 con un fuoricampo e un doppio). Da mercoledì pomeriggio i neroarancio torneranno in diamante contro i tedeschi del Mannheim.

Pirati subito in vantaggio in apertura, quando Persichina e Chiarini (doppio) battono valido in successione, mentre un lancio pazzo (1-0) e la volata di De Biase firmano un immediato 2-0. Al secondo, i neroarancio allungano ancora, con Babini che batte un singolo e, dopo aver guadagnato la seconda, giunge a casa grazie all’errore su Suardi (3-0). Il fuoricampo a sinistra di Chiarini fissa quindi il punteggio sul 5-0. Un inning più tardi, poi, arriva anche il 7-0 grazie ai quattro ball su Angrisano e, dopo la valida di Santolupo, ai doppi consecutivi di Babini e Suardi. L’ottavo punto è invece affare del quarto, ed è confezionato dalle valide di Persichina, Chiarini e De Biase. E se al cambio di campo l’Arezzo segna il primo punto sul neo entrato Corradini, nella parte bassa del quinto i Pirati ristabiliscono subito le distanze con la base a Santora e il singolo di Suardi (9-1). Nell’inning successivo, comunque, gli ospiti tornano a colpire, complice anche un errore difensivo (9-4), mentre al settimo il punto del 9-5 è a carico di Pezzullo. E se una ripresa più tardi è il turno del neo entrato Cherubini incassare il 9-6, al nono, come detto, i neroarancio rompono il digiuno e dilagano con il doppio di Spinelli e la valida di Santora (10-6). Il successivo singolo di un ottimo Babini sigla quindi il 12-6, con il solito Persichina che piazza la valida del 13-6. A ripulire le basi ci pensa così Cit, il cui triplo a destra significa 16-6. Il 17esimo punto è quindi opera del singolo di Spinelli, con l’errore su Santora (18-6) e il doppio di Babini che valgono il definitivo 19-6.

Il tabellino

RIMINI: Chaves (Di Fabio 0/2) ss (0/3), Persichina 1b,ed (4/6), Chiarini ed (3/4), De Biase dh (1/6), Angrisano (Spinelli 3/3) r (0/2), Santolupo ec (2/5), Santora 3b,ss,2b (1/5), Babini 2b,ss (4/6), Suardi es (3/5), Cit dh,r (1/2)

SUCCESSIONE PUNTEGGIO: Arezzo 000 013 110 0 = 6  bv 9 e 4; Rimini 232 110 00(10) x = 19  bv 22 e 2.

PRESTAZIONE LANCIATORI: Marquez ip 2.0 so 3; Patrone ip 2.0 h 1 bb 1 so 2; Corradini ip 2.0 h 4 bb 2 pgl 2; Pezzullo ip 1.0 h 3 so 1 pgl 1; Cherubini ip 1.0 h 1 bb 1 so 1 pgl 1; Norri ip 1.0 so 1; Maestri ip 1.0 bb 2 so 2.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *